Loading...

Translate

giovedì 27 dicembre 2012

Servizio Pubblico, stasera speciale sul sequestro del ragionier Spinelli


Inutile negare che l’attesa è tutta per l’ospitata di Berlusconi. Prevista per ora il 10 gennaio prossimo, quando il talk show tornerà regolarmente in onda in diretta. Stasera, tuttavia, La 7 trasmette una puntata speciale di Servizio Pubblico dedicata alla vicenda del sequestro lampo del ragionier Giuseppe Spinelli, stretto collaboratore proprio del Cavaliere. Il titolo scelto per il format in onda alle 21.10 su La 7 è Quando la banda passò.
Curato da Walter Molino e Stefano Maria Bianchi e condotto da Sandro Ruotolo, lo speciale del programma di Michele Santoro si articolerà in un intreccio di fiction della ricostruzione della notte del sequestro e delle fasi salienti delle indagini della Squadra mobile di Milano ai fumetti, di interviste esclusive a Ruby, Gianpaolo Tarantini, Imane Fadil e Fabrizio Corona e degli interventi di Marco Travaglio, Fiorenza Sarzanini e dell’avvocato dell’ex PremierNiccoló Ghedini.
Quando la banda passò si pone l’obiettivo di fare luce sui misteri che si nascondono dietro il sequestro del ragionier Spinelli, colui che negli ultimi tempi è diventato popolare perché elargiva sostanziose somme per conto di Berlusconi e indirizzate anche alle olgettine.
Si cercherà di comprendere se davvero i banditi volevano vendere a Silvio Berlusconi un video sul lodo Mondadori o se in ballo c’era qualcosa di molto più pericoloso. Si chiederà all’avvocato Ghedini perché denunciò il fatto solo 31 ore dopo e da dove arrivano gli otto milioni di euro di cui parlano i banditi nei giorni successivi al sequestro.
Del caso il talk già se ne occupò - in una breve parentesi - qualche settimana fa, il 22 novembre scorso, con tanto di editoriale di Travaglio e di intervista a Ghedini. Pezzi che con molta probabilità saranno riproposti stasera per completare l’inchiesta.
Su La 7 il talk politico si ferma durante le festività natalizie. L’approfondimento giornalistico no.

Fonte:Tvblog

Nessun commento:

Posta un commento