Loading...

Translate

sabato 23 febbraio 2013

Pino Insegno si sfoga contro la Rai: "Vi rendete conto di cosa bisogna sopportare?"


Pino Insegno perde Reazione a Catena e si sfoga su Facebook facendo capire che l’allontanamento dal programma non ha proprio nulla di spontaneo. Il preserale quiz a premi condotto dall’ex membro della Premiata Ditta fin dal 2010, avrà un nuovo conduttore che risponde al nome di Enrico Papi e tutto si può dire meno che Pino Insegno abbia preso con filosofia questo cambiamento.
Se Luisella Costamagna ha affidato a Facebook dichiarazioni sibilline sulle cause del proprio addio a Servizio Pubblico, l’ex conduttore di Reazione a Catena sfrutta lo stesso social per diffondere tutto il suo disappunto. Quello di Insegno è uno sfogo incredulo che testimonia un passaggio di testimone (se mi passate il gioco di parole e anche se non me lo passate) decisamente indigesto:
Vi rendete conto che cosa bisogna sopportare, non basta essere dei bravi professionisti. Non basta aver studiato da più di 30 anni per fare al meglio questo mestiere, non basta aver rispetto dei colleghi. Non basta fare dei grandi ascolti. Ma stavolta io dico BASTA!

 Il caps lock finale indica che il conduttore orfano del proprio gioiellino a premi proprio non si capacita delle motivazioni per cui la Rai abbia deciso di “licenziarlo” e precede la chiosa in cui Insegno non dimentica di ringraziare i fan per il sostegno che gli dimostrano nella buona e nella cattiva sorte:
In Rai c’è gente migliore di queste chiacchiere. È una vita che cerco di dimostrare il mio valore. Grazie per il vostro supporto. Insieme ce la faremo.
In effetti i fan dell’ormai ex conduttore di Reazione a Catena non hanno tardato ad esprimere la propria incredulità a questa news. Alla luce dei buoni ascolti del programma e della professionalità di Pino Insegno, cosa avrà fatto optare la Rai per questo cambiamento? Indossate le vostre cuffie e provate a dare una risposta…

Fonte:Tvblog

Nessun commento:

Posta un commento