Loading...

Translate

martedì 25 giugno 2013

Centovetrine anticipazioni dal 24 al 28 giugno 2013

Centovetrine, anticipazioni dal 24 al 28 giugno 2013: Ivan, come promesso a Diana, comincia le sue indagini per scagionare Ettore, mentre Oriana scopre che verrà trasferita in un altro carcere. Il Bettini le dice che non la lascerà partire da sola, andrà con lei. I due intanto cercano insieme un testimone dell’omicidio di Maddalena.

La fiducia accordatagli da Cecilia e da Milo induce Damiano ad un cambiamento. Lentamente, l’ex poliziotto sta tornando ad essere quello di una volta. Mantenendo la promessa fatta a Milo, Damiano va a cercare Amelie, ma scopre che la ragazzina non vuole più vedere l’amichetto. A Bauer non rimane altro da fare che dire la verità al ragazzino, che ci rimane malissimo.
Viola è ormai decisa: vuole la separazione da Brando. Mentre lui trova conforto in suo fratelloCristiano, lei chiede invece aiuto a Sebastian e Laura per portare via Serralunga al marito. Il Salani non si dà per vinto e cerca di riconquistare sua moglie, ma fallisce. Lei intanto è sempre più convinta a portare avanti il suo piano.
Viola nota l’intimità che lega Diana e Ascanio e affronta la cognata chiedendole se stia tradendoJacopo. Diana risponde sdegnata di essere stata abbandonata da suo marito, mentre Ascanio assiste alla scena.
Sebastian è costretto a chiedere a Margot di tornare a lavorare per Cento, ma lei chiede come condizione che Laura le chieda pubblicamente scusa. Per tutta risposta la moglie del Castelli annuncia un nuova idea per Cento, quella di un giornale on line. Margot va su tutte le furie perché quella era una sua idea.
La giovane giornalista accusa la Beccaria di averle rubato l’idea del quotidiano on line e le due donne finiscono per arrivare alle mani, tanto che Sebastian deve intervenire per separarle.
Jacopo torna inaspettatamente a Torino e trova Diana tra le braccia di Ascanio. Il Castelli reagisce prendendo a pugni il Molteni e riversando su sua moglie parole durissime.


Fonte:Tvblog

Nessun commento:

Posta un commento