Loading...

Translate

venerdì 27 settembre 2013

La7, Linea Gialla floppa e Sottile litiga con Fiore De Rienzo?

Che caos a La7! Secondo quanto rivelato da Dagospia sta succedendo un po’ di tutto nell’emittente di proprietà di Urbano Cairo. Tutto per colpa degli ascolti non esaltanti dei nuovi programmi, su cui tanto l’editore puntava.
Al momento nel prime time solo Servizio Pubblico pare confermare un feedback positivo con i telespettatori sebbene il confronto con l’esordio dell’anno scorso evidenzia un calo di un punto e mezzo di share (12.98 nel 2012, nel 2013 11.43%).
Veniamo ai dettagli. Salvo Sottile non avrebbe preso bene il flop di Linea Gialla (martedì scorso è sceso all’imbarazzante 2% di share, con 412.000 telespettatori in valore assoluto - aveva esordito al 2,35%) e si sarebbe reso protagonista di una litigata con il suo autore Fiore De Rienzo, strappato in estate a Chi l’ha visto (che questa settimana ha viaggiato su Rai3 oltre l’8%). Ma sarebbe accaduto altro. Sul sito di D’Agostino si legge:
La reazione al flop di “Linea Gialla” di Salvo Sottile è stata dura: litigate con il suo autore strappato a Federica Sciarelli (che ancora ringrazia il destino) e silurato il caporedattore Marco Gregoretti. Alla fine della prima puntata, l’esperto tv Cairo aveva esultato e pronosticato un grande risultato…
Intanto lo stesso Cairo starebbe rinegoziando al ribasso i contratti di alcune star dell’emittente. Dagospia rivela che “di sicuro, ha chiamato il manager Caschetto per “sistemare” il compenso di Lilli Gruber“, che pure con Otto e Mezzo regala buoni ascolti ogni giorno nella difficile fascia di access prime time (dove Striscia è in calo netto e Affari tuoi, pur non brillando, vince la sfida degli ascolti).
Ma non è finita. A complicare la già precaria situazione di La7 ci sarebbe anche la causa di lavoro fatta da “tutti gli “orfani” di Gad Lerner dell’”Infedele”.
Insomma, Cairo forse farebbe bene a tenersi stretto Crozza, l’unico, forse, in grado di regalare sorrisi, in tutti i sensi.


Fonte:Tvblog

Nessun commento:

Posta un commento