Loading...

Translate

lunedì 25 novembre 2013

Beppe Grillo contro Pippo Baudo: "Fui io quello cacciato dalla Rai. Ora lecca il cul* a Renzi"

Era prevedibile che Beppe Grillo avrebbe risposto a Pippo Baudo. Quest’ultimo, come scrivevamo ieri, è intervenuto a Otto e mezzo Sabato prendendo le distanze dal Beppe Grillo sceso in politica.

Dopo aver rivisto il filmato con la battuta di Grillo sui “socialisti ladri”, Baudo aveva detto di aver passato i guai con la Rai a causa dell’ex comico, anche se secondo lui ogni comico ha diritto ad esprimersi:
“Lì per lì non successe niente, ma al primo intervallo vidi i dirigenti Rai muoversi perché chiamati dalla direzione generale. L’indomani scoppiò lo scandalo. Allora c’era un Craxi potente, c’era Manca che comandava, socialista. La battuta era forte. Dopo questa battuta ebbi rapporti difficili con la Rai e alla fine di questo periodo difficile lasciai la Rai. Quando oggi Grillo si addentra nel mondo della politica ne spara qualcuna un po’ sbagliata. Mi sembra che sia Beppe la spalla di Casaleggio, finora anche i suoi deputati non hanno inciso, si muovono, fanno casino”.
Dulcis in fundo il presentatore ha espresso la sua preferenza di voto per Matteo Renzi, “perché è un uomo nuovo”.
Grillo non è rimasto a guardare, postando un articolo dal titolo “La Pippite” sul suo blog, in cui ha sparato a zero sul Pippo nazionale:
“Pippo Baudo è tornato. Un ritornante, un presentatore quasi vivente. Ha attaccato il M5S e leccato il culo a Renzie in diretta. Ha spiegato di essere stato cacciato dalla RAI per colpa mia, quando il cacciato fui io e lui slinguò Bottino Craxi, tremante, dissociandosi. Si involò subito dopo verso un contratto principesco con Fininvest di 45 miliardi di lire. Il denaro non è acqua. La pippite è una malattia dell’animo, descritta con cura dei particolari dal Manzoni con Don Abbondio. Diffusa tra chi è contiguo al Potere e si aspetta sempre un osso lanciato sotto il tavolo”.
A quando il prossimo round tra i due ex amici di Fantastico?


fonte:Tvblog

Nessun commento:

Posta un commento