Loading...

Translate

sabato 25 gennaio 2014

Braccialetti Rossi, Mirko Trovato: "Non credevo che dietro un film ci fosse tutto questo, ho scoperto un mondo"


Dopo avervi proposto le interviste a Laura Chiatti e Aurora Ruffino, proseguiamo la rassegna dei protagonisti di Braccialetti Rossi, la fiction in onda da domenica 26 gennaio su Rai1 in prima serata, con Mirko Trovato.
Si tratta del 15enne che interpretaDavide, il Bello del gruppo di ragazzi che si ritrovano in ospedale e che qui fanno amicizia.
Ciao Mirko, raccontaci subito il tuo personaggio.
Davide è un ragazzo duro, tosto, arrogante e aggressivo. Ma si comporta così per nascondere le sue insicurezze; poi col tempo matura e cambia atteggiamento.
Tu hai soltanto 15 anni: hai trovato difficoltà nell’interpretare un ruolo di un ragazzo malato e nell’affrontare un tema così delicato?
Sì, all’inizio sì. Alcune scene erano toste, per esempio quelle delle operazioni chirurgiche. Poi mi sono abituato ed è stata un’esperienza bellissima.
Per te si tratta della prima esperienza in assoluto da attore o in passato aveva già recitato?
Sì, ho recitato in teatro nella mia agenzia Studio Emme di Sergio Martinelli, però non avevo mai fatto alcuna opera televisiva.
Cosa conti di fare in futuro?
Ora frequento il primo anno del liceo; conto di continuare a studiare per diventare un attore.
Sul set hai legato con qualche attore adulto in particolare?
Ho lavorato con Laura Chiatti, la compagna di mio padre, e con Ignazio Oliva. Si è creato un legame molto stretto perché loro sono stati molto disponibili e sul set mi hanno dato consigli.
Per la prima volta ti ritrovi alle prese con giornalisti, telecamere e mondo dello spettacolo. Che sensazione hai, sei un po’ spaventato, hai qualche paura?
Paura no, ma non mi aspettavo nulla di tutto questo. Non credevo che dietro un film c’erano tutte quelle cose…
Qual è la cosa più strana che hai visto?
Il primo giorno sul set vedevo dei pannelli che alzavano o abbassavano, luce, non luce. Ho scoperto un mondo.



Fonte:Tvblog

Nessun commento:

Posta un commento